Un biberon autoriscaldante: iiamo go

Praticità, design e un tocco di fashion: le mamme più glamour non sapranno resistere a IIAMO GO, un biberon innovativo ideato da Karim Rashid, designer di fama internazionale, prodotto da una ditta olandese e ora commercializzato in Italia in esclusiva da “40 settimane”, lo stesso marchio che si è inventato la MILK SHIRT, la maglietta per l’allattamento di cui vi abbiamo già parlato.

Questo particolare biberon dalla forma avveniristica e dai colori accattivanti fa parte della nuova generazione di biberon che aiutano le mamme che non hanno la possibilità di allattare al seno o che comunque si ritrovano a dover usare il biberon in situazioni precarie. IIAMO GO infatti si caratterizza per la capacità di riscaldare il latte in appena 4 minuti senza l’utilizzo di energia elettrica. Immaginatevi al parco, al ristorante, in viaggio, ovunque non avreste immediatamente la possibilità di chiedere a qualcuno di scaldarvi il latte, o di farlo voi stesse. Con IIAMO GO basta inserire la speciale cartuccia interna sul fondo del biberon e poi schiacciarla. La reazione chimica fra acqua e sale disidratato così innescata è in grado di sprigionare calore, aiutandovi a saziare in breve la fame del piccolo.

Vedendo nel dettaglio alcune caratteristiche tecniche, oltre all’estetica, come già accennato, bisogna sottolineare che dalla composizione dei materiali sono assenti il Bisfenolo A, dannoso per la salute, e i parabeni, e che la tettarella (disponibile in quattro misure da 0 a 6 mesi, vendibile anche separatamente), in silicone, dispone di una valvola anticoliche. La capienza è di 180 ml, quindi è particolarmente adatto ai primi mesi di vita.

Questo biberon è stato così innovativo, che ha perfino vinto il più prestigioso premio dedicato agli articoli di Prima Infanzia, il JUNGEN INNOVATION AWARD 2010. Qualche svantaggio tuttavia c’è e ci sembra giusto segnalarvelo: il prezzo non è proprio alla portata di tutti, visto che supera abbondantemente i 30 euro, e inoltre la cartuccia che serve a scaldare il latte è usa e getta, quindi bisogna cambiarla ogni volta, aggiungendo un costo periodico a quello fisso per l’acquisto. Ad ogni modo l’utilità è indubbia (si tratta pur sempre di un biberon da viaggio), il look super e… qualche (sano) sfizio bisogna pur toglierselo, no? Oppure, vi abbiamo appena dato un ottima idea regalo!

Chi fosse interessato, può consultare il sito di 40 settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *