Probiotici ottimi contro le infezioni respiratorie in adulti e bambini

Care mamme,

anche voi siete state travolte dalla mania dei probiotici mattutini? Una moda che sembra essersi tradotta in un vero e proprio toccasana per la salute di grandi e piccini. Una serie di studi raccolti nel position paper ‘Probiotici e salute umana 2013: stato dell’arte basato sulle evidenze’, infatti, mette in chiaro che i probiotici fanno bene contro le infezioni respiratorie.

Che si tratti di una moda o di una buona nuova abitudine, forse anche (e soprattutto) grazie ad alcuni volti noti televisivi e a pubblicità accattivanti, il consumare un probiotico al giorno sembra davvero togliere il medico di torno, per dirla come un vecchio proverbio!

Ad approfondire lo studio, un gruppo formato da circa 20 medici che hanno vagliato molte ricerche sul tema e sono giunti a questa conclusione. Ma se per gli adulti e i bimbi dall’età scolare è facile e divertente assumere i probiotici in forma di bevande saporite, magari durante la colazione o a metà mattina, come fare con i neonati?

Dall’analisi delle varie ricerche è emerso che i probiotici sono utili anche per prevenire le infezioni respiratorie anche nei neonati, quindi è importante che anche loro li assumano secondo le indicazioni del pediatra. Lo studio che ha confermato la bontà dei probiotici anche sui neonati ha coinvolto bimbi dai 2 mesi ai 12: ad alcuni di loro veniva regolarmente somministrato un latte arricchito da Lactobacillus rhamnosus GG e Bifidobacterium lactis Bb-12, ad altri invece un latte con placebo.

I risultati hanno evidenziato come l’assunzione di probiotici sia un viatico per ridurre il rischio di infezioni respiratorie o le otiti acute nel primo anno di vita, spesso frequenti nei neonati. Questo evitando ai più piccoli di dover assumere antibiotici e medicinali una volta contratte le infezioni. Uno studio che ha coinvolto 326 bambini dai 3 ai 5 anni ha mostrato, inoltre, un calo del 65% di incidenza dell’uso di antibiotici.

Per quanto riguarda gli adulti invece, sempre positiva l’assunzione di probiotici, anche se i risultati sembrano essere meno importanti: riduzione degli episodi di raffreddore e sintomi meno forti.

A cura di Manuela Boschetti

(Foto: www.inpharmamag.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *