Pipì a letto: un problema da maschietti

E’ quanto emerge da uno studio condotto tra 6.000 bambini tra 6 e 11 anni e pubblicato recentemente sul Journal of Pediatrics. I bambini che “bagnano” il letto di notte sono circa 5 su 100, ma i maschietti superano le coetanee del sesso opposto: il 7% contro il 3%. Una delle spiegazioni di questa differenza, spiegano gli esperti, potrebbe stare nella più lenta maturazione delle strutture cerebrali dei bambini, legata direttamente al controllo della vescica. Il disturbo tende a regredire con il tempo: a 6 anni i bimbi che non la tengono sono il 9%, ma diventano il 2% intorno agli 11 anni. La ricerca non ha preso in considerazione i bambini sotto i sei anni, perchè in quella fascia di età sono ancora tanti quelli muniti di pannolino-mutandina.

Ma a che età si toglie solitamente il pannolino? In realtà non c’è una regola fissa e precisa, ogni bambino è un caso a sé, ma proprio per questo spesso le mamme sono prese da qualche dubbio sul da farsi: in primis, quando sarà il momento giusto? Il mio bambino sarà pronto per il grande passo?

Ecco allora qualche consiglio per togliere il pannolino con serenità.

Innanzitutto ci sono dei segnali da osservare che ci fanno capire che il bambino è sulla strada giusta ed è pronto per la grande prova: se comincia ad esempio a svegliarsi la mattina con il pannolino asciutto o ad essere curioso di chi va in bagno a fare la pipì o, ancora, di chiedere direttamente del wc o del vasino. A questo punto è il momento di mettere in bagno un vasino o un riduttore per il wc, corredato di sgabellino per salire, e magari qualche libro e qualche giochino da utilizzare solo lì per “passare il tempo”.  Ogni tanto portate quindi in bagno il bimbo proponendogli con enfasi “andiamo a fare pipì?” Se gli chiedete “devi fare pipì?” la sua risposta, al 99% sarà “no” ma non scoraggiatevi, all’inizio è così. Una volta che il bimbo riesce nell’impresa, complimentiamoci con lui e gratifichiamolo, ricordiamogli quanto è stato bravo e quanto siamo fiere di lui.

Il processo comunque è abbastanza lungo e qualche incidente di percorso mettiamolo in conto. Due piccoli consigli possono aiutare: il primo è quello di non cominciare mai a togliere il pannolino in concomitanza di eventi importanti (nascita di fratellini o sorelline, ingresso alla materna etc…), quando il bambino è già abbastanza “stressato” dal cambiamneto senza bisogno di aggiungere altre novità. In secondo luogo, meglio iniziare le procedure di addio al pannolino nella bella stagione, quando il bimbo è meno vestito (si fa prima a calare i calzoni e sederlo sul vasino e se anche si bagna è più veloce il cambio, suo o del lettino!).

Per il resto… in bocca al lupo! La mia bima ha 22 mesi, qualche mese ha fa ha cominciato ad annunciare a gran voce quando le scappava qualcosa, così siamo corsi di gran carriera a comprare un bel vasino… da allora non ha più detto nulla, se non “A Camilla no piace vasino!”. Abbiamo tentato con il riduttore da wc ma la risposta è stata la stessa “A Camilla no piace!” e da allora fa tutto nel suo pannolino. Ci stiamo lavorando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *