Patatine con i vermi, bimbo ricoverato in ospedale

Care mamme,

riportiamo oggi la notizia di una vicenda incredibile, accaduta a Torino nei giorni scorsi. Una giovane mamma ha fatto denuncia contro ignoti per lesioni colpose, poiché il figlio di 20 mesi, dopo aver mangiato un pacchetto di patatine, si è sentito male e ha vomitato sangue e vermi. Il pacchetto incriminato, su cui era indicata scadenza a ottobre 2014,  era stato acquistato in un supermercato Carrefour, in Corso Grosseto a Torino, come riportato da “La Stampa”.

La giovane mamma, Sarah Idrissi, dopo essersi accertata che il figlio stesse meglio, ha dapprima contattato il negozio e poi si è recata alla caserma dei Carabinieri per sporgere denuncia. La donna ha consegnato ai Carabinieri un altro pacchetto di patatine, che analizzato dai militari dei Nas ha confermato la presenza di larve.

La donna sostiene di aver dato al piccolo Assan due pacchetti di patatine, e di essersi accorta che nel primo c’erano dei vermi, non nel secondo. Preoccupata ha messo via la confezione (una busta che conteneva delle monoporzioni, come dichiarato dalla mamma) ma il piccolo, approfittando di un momento di distrazione della donna, si sarebbe impossessato di un altro pacchetto.

Fin dalla sera il piccolo ha mostrato segni di febbre, e durante la notte ha vomitato più volte. Al mattino i genitori si sono accorti che aveva vomitato anche tracce di sangue e vermi, così hanno deciso di ricoverarlo in ospedale, al Santa Croce di Moncalieri.

Dimesso poco dopo, è ora sotto antibiotici. Secondo gli esiti riportati dal foglio di dimissioni dell’ospedale il piccolo “mostrava corpi estranei all’interno dello stomaco”. I genitori non hanno chiesto risarcimenti, ma solo che le indagini facciano chiarezza su quanto accaduto. I Nas hanno posto sotto sequestro l’intero lotto di patatine presenti nel negozio e proseguiranno con gli accertamenti nei prossimi giorni.

A cura di Manuela Boschetti

(Fonte immagini: pixabay.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *