Nuovi contributi alla famiglia 2020?

Nel 2020 sono nuovamente previste delle agevolazioni fiscali, in particolare bonus per famiglie a basso reddito ISEE. Ma cosa cambia alla luce della nuova legge di Bilancio 2020? Cerchiamo di capire quali sono gli aiuti concreti di cui possono beneficiare i nuclei familiari, a chi spettano e come fare a richiederli.

Bonus figli 2020 con la nuova legge di Bilancio

Con l’avvento della nuova Legge di Bilancio del 2020, entrerà in vigore il nuovo assegno universale di natalità, ovvero dei contributi per la nascita di un figlio a partire da gennaio. Dal 2021 invece, arriveranno gli assegni familiari per ciascun figlio a carico fino al 26° anno d’età.

Il classico bonus bebè verrà esteso universalmente a tutte le famiglie a prescindere dal reddito. Entreranno in vigore tre nuovi importi:

  • Un bonus da 160 euro per i redditi fino a 7.000 euro
  • Un bonus da 120 euro per i redditi tra 7.001 e 40.000 euro
  • Un bonus da 80 euro per i redditi al di sopra dei 40.000 euro.

Trattandosi ancora di una misura al vaglio del governo per la Legge di Bilancio 2020, l’assegno universale di natalità non è ancora richiedibile. E’ stato però introdotto, già da questi mesi, il nuovo limite di reddito per figli a carico. Esso è stato elevato a 4.000 euro per i figli con età inferiore ai 24 anni, mentre per i figli con più di 24 anni rimane fisso a 2.840,51 euro.

Come funziona l’assegno di natalità 2020

Stando alle notizie ufficiali in circolazione, l’assegno unico figlio a carico in base all’età è stato rinviato al 2021, ma nel 2020 partirà un maxi fondo per la famiglia in cui saranno fatti confluire: bonus nascita 2020, bonus bebè 2020, bonus asilo nido 2020 e altre risorse. Per riscattarli saranno istituiti un nuovo assegno universale e la Carta Bimbi per pagare servizi, come la retta dell’asilo.

L’assegno unico universale 2020, altro non è che il nuovo bonus bebè. Esso prevede, per ogni nato a partire dal 1 gennaio 2020:

  • Un assegno di 160 euro al mese per le famiglie con reddito fino a 7.000 euro.
  • Un assegno di 120 euro al mese per le famiglie con reddito tra 7.000 e 40.000 euro.
  • Assegno di 80 euro al mese per le famiglie con reddito sopra i 40.000 euro.

Il requisito per ottenere l’Assegno universale di natalità 2020 è: avere almeno un figlio a carico nuovo nato. Non esistono limiti di reddito per accedervi, la soglia è necessaria solo per determinare l’importo del bonus. In presenza di secondo figlio si verifica un incremento del 20% sull’importo: 96 euro al mese per redditi al di sopra dei 40.000 euro, 104 euro al mese per redditi tra 39.999 e 7.001 euro e infine, 192 euro al mese per reddito fino a 7.000 euro.

Contributi asilo nido 2020

Il bonus asilo nido è l’agevolazione fiscale per le famiglie con bambini che frequentano l’asilo nido pubblico o privato e può essere richiesto entro il 31 dicembre 2020 all’Inps. Tra le novità su questo bonus c’è l’aumento a 3.000 euro per le famiglie con reddito fino a 25.000 euro, a 2.500 euro per le famiglie con reddito fino a 40.000 euro e rimane a 1.500 euro per i redditi oltre i 40.000 euro.

Come funziona il bonus asilo 2020

Questo bonus può essere utilizzato per pagare la retta dell’asilo nido e per sostenere i bambini sotto i 3 anni che necessitano di supporto presso il loro domicilio perché malati gravi. L’importo è riconosciuto dall’Inps e viene erogato per 11 mesi di iscrizione all’asilo nido. Il premio viene erogato in un’unica soluzione, è necessario, per ottenerlo, presentare un apposito modulo compilato dai genitori. Per i bambini affetti da gravi patologie è necessario anche il certificato del pediatra. Il bonus spetta per 3 anni.

I requisiti per ottenere il bonus asilo sono:

  • Il bambino deve essere nato a partire dal 1° gennaio 2016
  • Il bimbo deve essere iscritto all’asilo nido per almeno un anno intero, altrimenti il premio erogato sarà parziale.
  • Riuscire a sostenere la retta dell’asilo nido, da parte dei genitori richiedenti.
  • Il bambino deve avere la stessa residenza dei genitori richiedenti.
  • Il genitore richiedente deve essere cittadino italiano, comunitario o extra-comunitario in possesso di permesso di soggiorno CE o carta di soggiorno.

Bonus mamme 2020

Il bonus mamme è un contributo economico che va a sostegno delle mamme, anche future, che verrà prorogato nuovamente nel 2020 grazie alla Legge di Bilancio. Il nome esatto di questo bonus è “Premio alla nascita Inps e premio all’adozione“. Prevede un contributo di 800 euro per tutte le donne che entrano nel 7° mese di gravidanza, che hanno partorito nei primi mesi dell’anno e per chi ha adottato o preso in affido un minore. E’ stato introdotto per andare incontro, economicamente, alle mamme che devono sostenere ingenti costi derivanti dalla nascita di un figlio.

Tra gli aiuti previsti per le mamme nel 2020 troviamo anche il Bonus latte 2020: del valore di 400 euro per le neo-mamme che non possono allattare naturalmente. Il voucher Baby-sitter, pari a 600 euro, invece è stato abolito. In forse, anche l’arrivo di una Carta bimbi da 400 euro per l’acquisto di prodotti per l’infanzia. L’erogazione di questo premio è effettuata in un’unica soluzione e non dipende dal reddito della richiedente. La presentazione della domanda è da farsi per via telematica all’Inps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *