Niente mucolitici al di sotto dei 2 anni

Care mamme oggi parliamo di medicinali e bimbi. I mucolitici non vanno assolutamente usati al di sotto dei 2 anni di età del bambino!
Naturalmente si somministrano tali medicinali in assoluta “buona fede” ai propri bimbi, onde dar loro un po’ di sollievo, specie dopo notti insonni a causa del fastidioso catarro che non da tregua ma gli esperti di Altroconsumo, mettono in guardia medici genitori dal far assumere mucolitici ai bambini al di sotto dei 2 anni di età!

Già in precedenza l’Agenzia italiana del farmaco, aveva imposto il divieto assoluto, di utilizzare mucolitici con i bambini così piccoli, dopo varie segnalazioni provenute da altri paese europei tra cui la Francia. In tali paesi, sono stati difatti segnalati casi gravi, di disturbi come ostruzioni respiratorie e peggioramenti delle malattie respiratorie, con forti aumenti della tosse e delle secrezioni bronchiali, netti peggioramenti della bronchiolite, vomito e serie difficoltà di respirazione, con diversi casi con addirittura un ricovero ospedaliero dei bambini: la Francia, dal canto suo ha difatti immediatamente vietato l’utilizzo di tutti i farmaci mucolitici con i bambini al di sotto dei 2 anni di età ma anche il nostro paese, sta correndo ai ripari!

La tosse, altri non è che è un meccanismo di difesa dell’organismo , che compare quando nei bronchi si accumula il muco, prodotto nel momento in cui virus, batteri o sostanze irritanti tentano di danneggiare le vie respiratorie. E’ quindi opportuno non contrastare tale meccanismo di difesa prodotto spontaneamente dal corpo ma lasciare che faccia il suo normale decorso, contrariamente proprio all’azione svolta dai mucolitici, in genere prescritti dal pediatra, in presenza di tosse forte o di casi ravvicinati del fenomeno, onde fluidificare il catarro e facilitarne l’espulsione.

Ecco quindi un elenco, dei farmaci mucolitici, che solitamente vengono prescritti:

Fluimucil, Lisomucil, Mucocis, Mucotreis, Sinecod, Solucis, Fluifort, Ambromucil, Broncomnes, Surfolase, Ambrotus, Ambroxol, Ambroxolo, Broxol, Fluibron, Muciclar, Mucosolvan, Secretil, Bisolvon, Sobrefluid, Sobrepin, Sopulmin, Alveoten.

A dispetto dei farmaci sopra elencati, per attenuare la tosse ed aiutare i propri pargoli, a far sciogliere il catarro, è semplicemente far bere al bambino, molti liquidi, prima fra tutti la semplice acqua, che è il miglior fluidificante in circolazione, in grado di rendere meno vischioso, contribuendo alla sua espulsione attraverso la tosse!

In alternativa all’acqua, è possibile ricorrere ad esempio, anche ai succhi di frutta, meglio se diluiti con acqua, ad un tè leggero, alla camomilla o alle tisane a base di timo.
E’ inoltre consigliabile, qualora il bambino non lo disdegni, aggiungere al latte prima di mettere il piccolo a nanna, un paio di cucchiaini di miele, onde dare sollievo alla gola e calmierare la tosse.

In ultimo, può aiutare far riposare il piccolo con un cuscino sotto alla nuca ed umidificare bene le stanze, sia durante il sonno che nelle ore giornaliere, ricorrendo altresì spesso ai classici lavaggi nasali con la soluzione fisiologica!

Buona guarigione piccolini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *