Iperidrosi: quando la sudorazione diviene eccessiva

Cominciamo con il dire che la sudorazione è un fenomeno fisiologico, soprattutto nei mesi estivi è più accentuata. In condizioni normali il nostro corpo produce circa mezzo litro di sudore al giorno, quando la temperatura sale notevolmente possiamo arrivare a espellerne più di due litri all’ora. Con il termine iperidrosi si indica un’eccessiva secrezione di sudore rispetto alla norma; può essere generalizzata, circoscritta e comparire in seguito a fattori ambientali o emozionali. L’iperidrosi è un fenomeno imbarazzante e scomodo che non dipende dalla stagione e non è necessariamente legata alla temperatura dell’ambiente anche se peggiora d’estate.

Il problema dell’iperidrosi insorge con la pubertà e prosegue tutta la vita, con una certa riduzione d’intensità secondo determinate condizioni psico-fisiologiche. L’iperidrosi rappresenta un grosso impedimento alle normali relazioni interpersonali e viene vissuto come un handicap perché chi ne soffre deve convivere con camicie e abiti  chiazzati, mani e piedi umidi, e in più con la consapevolezza di provocare nell’altro un certo senso di repulsione. Diventano così un incubo anche gesti quotidiani ordinari, come stringere una mano o lavorare maneggiando fogli di carta, o semplicemente togliersi il cappotto o la giacca.

Le cause di iperidrosi possono essere:

  • Endocrini;  ipoglicemia, ipertiroidismo.
  • Dietetici; consumo elevato di alimenti o integratori contenenti caffeina, capsaicina o altri agenti termogeni.
  • Farmacologici; antipiretici, colinergici, antidepressivi, amfetamine.
  • Vegetativi; iperidrosi indotta da vomito, nausea o dolore.

L’iperidrosi può essere divisa in due tipi:

  • Iperidrosi generalizzata; se l’eccessiva sudorazione è estesa a tutta la superficie corporea. In questi casi  è probabile che alla base vi sia un problema endocrino, come l’ipertiroidismo, farmacologico, febbrile ecc.
  • Iperidrosi locale; si risconta con interesse nel palmo delle mani, nella pianta dei piedi, nell’area ascellare e nella fronte. L’eccessiva sudorazione ascellare è quasi sempre espressione di irritabilità emotiva.

Il sudore di per se non ha nessun odore o colore, è un liquido trasparente prodotto dalle ghiandole sudoripare. Ci sono due alterazioni patologiche della sudorazione:

  • Cromoidrosi; cioè sudorazione colorata che tinge di giallo i vestiti con cui viene a contatto.
  • Bromidrosi; sudorazione maleodorante per l’aumentata decomposizione del sudore apocrino operata dalla flora batterica cutanea.

Quando l’iperidrosi è molto grave si può anche ricorrere alla terapia farmacologica che si basa sull’utilizzo di sedativi ed ansiolitici, capaci di limitare l’eccessiva emotività.

Per limitare i disagi che l’eccessiva sudorazione può portare, oltre alle normali pratiche igieniche, vanno evitati gli indumenti troppo aderenti e sintetici. In farmacia si possono trovare particolari deodoranti a lunga durata, capaci di limitare il disturbo grazie alla presenza di cloruro di alluminio. Questi prodotti sono indicati soprattutto per la regione ascellare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *