Il segreto per un buon risotto? La padella, naturalmente!

Temperature in discesa e voglia di mantenersi in forma partendo dalla buona tavola? Cosa c’è di meglio di un caldo risotto: quasi sempre consigliato, anche nelle diete più restrittive, ideale per grandi e piccini, nonchè panacea di ogni male, influenza compresa, il riso trova sempre più spazio sulle tavole degli italiani.
Ma quali sono i segreti per cucinarlo a puntino? Vediamoli insieme.

Cucinare un buon risotto può definirsi come una vera e propria avventura gastronomica che ha inizio dalla preparazione di un buon soffritto, seguito dalla tostatura del riso e dall’aggiunta di gustoso brodo bollente.
E fin qui, nessuna novità su quanto tutte noi già sapevamo; quello che solitamente non ci viene detto è che il riso andrebbe accuratamente lavato per ottenere chicchi nitidi e separati e girato solo quando serve, dal momento che ogni mescolata provoca del microfratture ai chicchi che, lasciando uscire l’amido, renderebbero il vostro risotto asciutto e, peggio che mai, colloso!

Altre piccole attenzioni riguardano l’acqua di cottura che dovrebbe essere sempre abbondante e il tempo di cottura: i canonici 18 minuti sono indicativi e dipendono dalla qualità impiegata e dal gusto personale; quello che c’è da segnalare è che un riso troppo cotto diminuisce il suo valore nutritivo, mentre se la cottura è troppo breve sarà la digestione a farne le spese.
Non dimenticate, poi, che il fuoco deve essere vivace e la pentola scoperta.

Ed eccoci, finalmente, giunti al passo fondamentale: la pentola!
Il corretto strumento di cottura, infatti, è fondamentale per avere un risultato finale che soddisfi ogni palato. Il rame e la ghisa sono i materiali perfetti per cuocere un risotto doc!

ILSA, per esempio, propone un alleato d’eccellenza affinché i risotti risultino croccanti e cotti al punto giusto: la ghisa leggera TM. Padelle ergonomiche con manico molto maneggevole, leggere e soprattutto pratiche da usare garantiscono risultati di cottura impeccabili, grazie anche al particolare rivestimento ceramico antiaderente. Con la ghisa l’assorbimento e il rilascio del calore sono lenti ed omogenei, non si creano zone surriscaldate e il riso cuoce uniformemente senza bruciarsi o attaccarsi. La ghisa, inoltre, non si raffredda quando si aggiungono ulteriori ingredienti e prosegue in modo uniforme ed omogeneo la cottura di quanto introdotto in precedenza.

Potete acquistarla su Amazon:


Ma se volete sbizzarrirvi fra le innumerevoli proposte, provate la padella in trimetallo, realizzata in rame, alluminio e acciaio, è lo strumento perfetto per un risotto da gran gourmet!

Anche questa la trovate comodamente su Amazon:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *