fbpx

Il ciondolo chiama angeli o la bola messicana

Quando una donna a cui vogliamo bene scopre di essere in “dolce attesa” spesso vorremmo regalarle qualcosa di molto speciale che l’accompagni in questo periodo indimenticabile per questo noi di Mammaoggi lo consigliamo come dolce pensiero da regalare alle amiche, alla propria sorella ad una parente, chiunque riceve questo pensiero lo porta con sé come un vero e proprio amuleto che verrà indossato dalle future mamme durante tutto il periodo della gravidanza e poi donato al proprio bambino per poter essere custodito come un vero e proprio ricordo.

Questo bel ciondolo è pensato per le mamme in attesa. Già nei tempi antichi era tradizione, in alcune culture, come India e Messico, utilizzare questo particolare gioiello per proteggere il piccolo dal male e dalla sventura e si raccontava che il suono emesso dalla bola, attraesse gli angeli che circondavano il pancione della madre proteggendola così come il piccolo dentro di lei per sempre.

Il sonaglio ha una lunghissima storia e lo troviamo presente come ciondolo portafortuna da portare in gravidanza in diverse culture.

Il suono emesso dalla bola è dolce e magico e aiuta la mamma a vivere in modo sereno la sua gravidanza preparandola ad un parto favorevole. All’interno del bola è saldato un piccolo xilophono sul quale una piccola palla danza quando la futura mamma si muove, creando cosi uno speciale gioco di suoni che cullano il bimbo già nell’utero della mamma. La futura mamma, portando la bola sul ventre, rende familiare questo suono al bimbo che lo percepisce come calmante, prima e dopo la nascita. In questo modo il ciondolo, a contatto con il ventre materno, ad ogni movimento della mamma emetterà un suono che il tranquillizzerà il bambino.

Il bambino o la bambina inizierà a sentire questo magico scampanellio già a partire dalla ventesima settimana e alla fine della gravidanza sarà per il neonato un suono familiare che continuerà a calmarlo e a tranquillizzarlo anche dopo la nascita.

Durante la gravidanza il ciondolo va portato con un cordoncino abbastanza lungo da far sfiorare l’ombelico, poi può diventare una semplice collana o bracciale che potrà essere donato al proprio bambino da custodire come dolce ricordo della sua venuta al mondo.

Eccone alcuni carinissimi di budget differenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *