Idromassaggio in gravidanza a casa, Spa, alle terme: si può fare?

Care mamme,

sono certa che, come me, anche voi avrete avuto qualche dubbio e ansia durante la gravidanza. Fra le paranoie di mamma e suocera, beh, non è stato semplicissimo. Per fortuna amo leggere, quindi ho divorato testi e saggi sull’argomento della gravidanza ben prima di restare incinta! Ad ogni modo, volevo rasserenarvi su di una cosa: l’idromassaggio in gravidanza non fa male! Quanto meno se si è ligi nel seguire certe regole.

La questione è nata a cena con un’amica in dolce attesa (si trova al quarto mese ndr) alla quale la ginecologa ha vietato assolutamente l’idromassaggio. Ecco, capisco che ogni professionista possa avere le sue convinzioni, ma è bene specificare che se fatto nel modo giusto, un bagno in vasca si può fare! Credo che a volte i medici siano un po’ troppo frettolosi nello spiegare le cose – quando le spiegano – e in alcuni casi mettono il paziente quasi in soggezione tanto che, per mancanza di coraggio o per paura di “non capire certe cose del dottore”, non fanno ulteriori domande.

Di questo atteggiamento purtroppo diffuso, ne parlava anche la nostra ostetrica Clara, in un suo post sulla Diagnosi Prenatale.

Idromassaggio in gravidanza: istruzioni per il relax

Come fare un idromassaggio, a casa, in gravidanza ed essere sicure? Prima di tutto, è bene dire che nel caso in cui abbiate particolari problemi di salute è meglio evitare. In ogni caso, consultate il vostro ginecologo. È importante ricordare che durante il primo trimestre non è possibile fare l’idromassaggio.

Adesso, invece, vediamo quali sono le condizioni necessarie per fare un bel bagno rilassante e pieno di bollicine in tutta sicurezza:

  1. Controllate la pressione dell’acqua: dovrà essere al minimo e dovrete avere l’accortezza di regolarla prima di immergervi. Appoggiando la mano ai bocchettoni dovrete avere una sensazione di soffio leggero, non di getto deciso. Questo perché aumentando gli estrogeni, la dilatazione di vene e capillari è maggiore e la forte pressione dell’acqua può farli spaccare.
  2. Regolate la temperatura: mantenetevi non oltre i 33 gradi, sia per i capillari sia per eventuali cali di pressione.
  3. Direzione dei bocchettoni: fate attenzione solo a non direzionare i bocchettoni verso la pancia.
  4. Durata del bagno: è sempre bene non esagerare. 15-20 minuti di bagno saranno sufficienti. Se volete restare ancora in acqua, chiudete l’idromassaggio.

Sauna, Spa e percorsi termali

Abbiamo specificato quali sono le condizioni per un bel bagno in casa, ma per quanto riguarda le Spa e le terme? Prima di prenotare il vostro week end in un centro benessere, informate il personale della vostra situazione e saranno loro a darvi indicazioni: magari ci saranno dei percorsi che dovrete evitare o che comunque non sono consigliati, soprattutto se siete nei primi tre mesi di gravidanza.

La sauna, invece, è assolutamente vietata.

(fonte foto: pixabay.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *