Idratazione amica dell’allattamento

Care mamme,

si sente spesso parlare di quanto sia importante l’idratazione per il nostro organismo, di quanto dovremmo ricordarci di bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno, circa un litro e mezzo. L’acqua è un elemento vitale fondamentale, proprio come sottolineato dalla ricerca di Sanpellegrino di poche settimane fa.

Ma gli effetti benefici dell’idratazione sembrano essere ancora più importanti soprattutto durante la gravidanza, per preparare il corpo della futura mamma al meglio per l’allattamento. In questo periodo infatti il corpo della donna vede aumentare il proprio fabbisogno giornaliero di acqua di circa il 30%.

Il corpo del neonato è composto per l’80% di acqua e si nutre solo di latte nei primi mesi, quindi è fondamentale che la mamma che lo allatta sia ben idratata. La produzione del latte, la maggiore irrorazione venosa e arteriosa producono un dispendio elevato di risorse di acqua che vanno ben presto reintegrate. Quindi nel periodo dell’allattamento è fondamentale bere più del normale anche fino a 3 litri al giorno per evitare di incorrere nel rischio di disidratazione.

Per prepararsi al meglio all’allattamento basta seguire alcuni piccoli accorgimenti, anche durante la gravidanza, aumentando l’assunzione di liquidi e seguendo una dieta sana ed equilibrata, ricca di frutta,  verdura, legumi, pesce (ricco di omega 3 fondamentale per lo sviluppo cerebrale), cibi ricchi di fibre e proteine e come condimento prevalentemente olio extravergine d’oliva, nutrienti che serviranno durante l’allattamento e alla composizione del latte stesso.

Dopo i primi giorni di vita del neonato in cui la mamma produce il colostro, un latte denso ad alto contenuto proteico e di sali minerali, in meno di una settimana arriva la montata lattea con il latte di transizione e infine la neomamma produce il latte maturo, circa un litro al giorno, che si dimezza dopo 6 mesi, proprio quando nella dieta del neonato si cominciano ad inserire i primi alimenti con lo svezzamento.

A cura di Manuela Boschetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *