I formaggi consentiti in gravidanza

Care mamme,

in merito all’alimentazione da seguire in gravidanza si sono dette molte cose. Sappiamo benissimo che durante i nove mesi occorre prestare una certa attenzione, che certi alimenti sono banditi (come gli insaccati), soprattutto se dagli esami preconcezionali si risulta negative alla toxoplasmosi. Un’alimentazione corretta, infatti, diminuisce i rischi per il nascituro e per la mamma.

Oggi ci concentriamo sui formaggi, croce e delizia di molte donne, e vediamo da vicino quali sono concessi e sicuri durante la gravidanza e quali invece è meglio evitare. Il rischio principale sul consumo di formaggi non sicuri è di contrarre la listeriosi (molto raramente causata dal consumo di formaggi), un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes, che può degenerare causando la meningite, ma solo in casi rarissimi: più facilmente l’infezione causa sintomi come febbre, dissenteria e vomito, anche se durante la gravidanza anche queste forme più leggere di listeriosi potrebbero costituire un rischio per il nascituro e il prosieguo della gestazione.

Sarebbe dunque meglio evitare i formaggi freschi, i formaggi molli che hanno la presenza di muffe, come camembert, brie, roquefort, e gorgonzola. Indipendentemente se realizzato con latte caprino o vaccino, questa tipologia di formaggio ha un contenuto acido minore e contiene più umidità, caratteristica per fetta per la proliferazione di batteri che possono anche diventare pericolosi.

La scelta dunque può ricadere sui formaggi prodotti con latte pastorizzato, come i formaggi stagionati, ma anche alcuni non stagionati possono essere sicuri, sempre se è presente l’indicazione latte pastorizzato. Alcuni esempi: fiocchi di latte, feta, ricotta, mozzarella, formaggio spalmabile, halloumi, paneer. I formaggi stagionati, come il parmigiano o il pecorino hanno un minore contenuto di acqua e sono quindi più sicuri.

La maggior parte dei formaggi di capra sono adatti anche in gravidanza, con l’eccezione del chèvre. Ovviamente le alte temperature previste per esempio durante una cottura sono in grado di uccidere i batteri presenti anche nei formaggi, rendendoli sicuri. Quindi care mamme, non preoccupatevi se non potete rinunciare a un risotto o ad una pizza ai formaggi.

A cura di Manuela Boschetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *