fbpx

Essere mamma a 40 anni: ecco i benefici

Ecco quanto è emerso da una ricerca condotta dall’Istituto di Igiene dell’Università la Sapienza di Roma: una gravidanza in età matura, ossia tra i quaranta e i cinquant’anni allunga la vita della donna!

Quindi, con le opportune precauzioniche bisogna adottare qualora si affronti una gravidanza in età matura, bisogna anche considerare i grandi benefici che una gravidanza comporta:

  • benessere;
  • energia;
  • ottimismo;
  • ritarda l’invecchiamento.

Il corpo e la mente della donna, infatti traggono dalla gravidanza una grande positività, come confermano anche le parole di Carlo Signorelli, ricercatore dell’istituto “Il “motore” del processo di ringiovanimento di cui beneficiano le mamme “anziane” e’ l’esplosione di ormoni (soprattutto estrogeni accompagnati dal progesterone), scatenata dalla gravidanza, che agiscono innanzitutto sul seno e sul rivestimento interno dell’utero, l’endometrio, tonificandoli e rendendoli piu’ elastici. Hanno poi effetti positivi sulle ossa (favoriscono la calcificazione, rafforzandole) e sulle arterie (le “regolano” in modo da combattere l’ipertensione e ridurre gli effetti negativi del colesterolo).”

E’ basilare  però affrontare una gravidanza in età avanzata solo se si è in condizioni fisiche perfette, con particolare riferimento al cuore, all’apparato urinario e alla mancanza di ipertensione arteriosa!

Ovviamente i benefici di una gravidanza in età matura, riguarda sia le gravidanze naturali che quelle “aiutate”, come assicura il geriatra Antonio Capurso, dell’universita’ di Bari “Tutto questo, ovviamente, accade anche quando la gestazione e’ ottenuta con metodi artificiali, ma si deve fare attenzione a non superare la soglia dei 50 anni perché dopo questa eta’ una stimolazione ormonale troppo forte potrebbe provocare danni e rischi da non sottovalutare.”.

Quindi donne, che desiderate diventare mamma ma credete che sia troppo tardi … state tranquille: c’è ancora tempo, un tempo ottimo!

Tra le mamme vip ce ne sono molte: come Maura Paparo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *