Cosa sono i giochi montessoriani

Cercando qualcosa di carino da regalare a vostro figlio o a bambini di amici tra i tanti marketplace o ecommerce specializzati in giocattoli è possibile che vi siate imbattuti spesso nella dicitura montessori.

Si potrebbe erroneamente pensare a un brand ma in realtà questa denominazione non rappresenta un marchio registrato in particolare: per giochi montessori o giochi montessoriani si intendono tutti quei giocattoli che fanno riferimento agli studi, ai saggi di Maria Montessori, la celebre pedagogista italiana e al suo metodo ormai famoso a livello internazionale. Sono tantissime le scuole in tutto il mondo che adottano i principi montessoriani nell’educazione infantile e molte aziende si sono impegnate nella realizzazione di giochi che sposano in pieno i fondamenti del metodo.

I giochi montessoriani sono realizzati con materiali naturali, legno, stoffe, corde, mentre quasi mai in materiali plastici. Sono giochi educativi o didattici: possono servire allo sviluppo del bambino dal punto di vista del linguaggio, della socializzazione, della creatività, delle abilità psicomotorie o possono insegnare attraverso l’attività ludica i principi della matematica, della geometria etc. I giochi montessoriani, come tutti gli altri tipi di giocattoli, sono realizzati per diverse fasce di età.


Giochi montessoriani per fasce d’età


Nei primi mesi di vita del bambino è importante stimolare lo sviluppo sensoriale e la sua attenzione, i tipici giocattoli montessori per questa fase del neonato sono: sonagli in legno (non vengono utilizzate musiche elettroniche ma solo rumori naturali) e la palla sensoriale montessoriana che a differenza di altre sfere sensoriali presenti sul mercato è realizzata in cuscini, stoffa etc. tutto per offrire al bambino un’esperienza tattile di diverse consistenze. Per i mesi successivi della crescita del bambino naturalmente le tipologie di giochi aumentano: troviamo giochi che possano stimolare le attività psico-motorie e ancora la manualità: forme impilabili, xilofoni in legno, giochi che simulano la pesca con canne di legno e magneti etc.

Uno dei più tipici e rappresentativi giochi sotto ai 3 anni di età è la montessori board: una tavoletta unica realizzata in legno, tessuto o in altri materiali più o meno rigidi, che offrono al bambino la possibilità di esercitarsi in diverse attività quali: fare nodi con lacci, usare fibie, utilizzare interruttori etc. simulando le stesse attività che si troverà a svolgere realmente a breve nel corso della sua vita. Infine abbiamo tutti quei giochi propedeutici all’attività scolastica che riguardano l’utilizzo di lettere, numeri, unità di misura e attività artistico-creative come ad esempio il tavolo luminoso. I giochi montessori sono solidi e sicuri, non sempre sono particolarmente economici ma sicuramente tra i più educativi che è possibile trovare sul mercato e con una particolare attenzione verso un futuro sostenibile da lasciare ai nostri figli.

Giochi montessoriani realizzati in casa


Il web, in ogni caso, ci può essere utile non solo proporci continuamente prodotti da acquistare ma anche per trovare informazioni utili su come risparmiare e realizzare giochi in stile montessoriani fai da te. Un tipo di gioco in perfetto stile montessoriano che punta allo stimolare il naturale ordine mentale di un bambino nonché propedeutico alle prime lezioni sugli insiemi è realizzabile semplicemente con qualche decina di bottoni colorati ed una teglia per realizzare muffin con più stampi: il bambino dividerà i bottoni secondo logica relativa a colori, dimensioni, forme dei bottoni etc.

Un altro gioco semplice realizzabile con oggetti che abitualmente si trovano nelle nostre case può consistere nella realizzazione di una lavagna: in questo caso basta un vassoio e della sabbia o della farina. Il bambino passerà del tempo in modo creativo disegnando tutto ciò che desidera con dita e mani. Per i bimbi più grandi, dai 3 anni in su, è possibile proporre un altro gioco con l’utilizzo di 3 o 4 colori, come ad esempio delle tempere. Si possono sciogliere nell’acqua in piatti fondi o contenitori simili per fare sperimentare al bambino diversi effetti cromatici miscelando le tinte tra loro con un contagocce (andrebbe benissimo un contagocce ben lavato di quelli presenti nelle fiale di medicinale esaurite).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *