Come disinfettare frutta e verdura in gravidanza

Care mamme,

quando si scopre di essere incinte si è spesso prese da mille paure. “Cosa potrò mangiare?” è certamente una delle prime! In genere durante la gravidanza viene consigliato di aumentare il consumo di frutta e verdura, sia per mantenere sotto controllo il peso, che per migliorare l’idratazione,  favorire le funzioni fisiologiche e perché fa tanto bene!

Ma un problema che assale molte future mamme, quando gli accertamenti prenatali indicando una negatività alla toxoplasmosi, è come essere sicure della frutta e della verdura che consumo? La soluzione è facile ed economica e si chiama bicarbonato.

La Toxoplasmosi, pericolosa in gravidanza, è una patologia quasi asintomatica, che alcune donne contraggono inconsapevolmente prima di restare incinte, altre invece mai. Una volta fatti gli esami e scoperto di non averla avuta bastano pochi accorgimenti per evitare di contrarla proprio durante la gestazione. Il consiglio è di impiegare le norme basilari d’igiene nel contatto con gli animali domestici e nelle attività all’aria aperta come il giardinaggio, evitare di mangiare carne cruda (insaccati compresi) e soprattutto – causa maggiore – lavare accuratamente la frutta e la verdura che andranno consumate senza cottura.

Nonostante negli ultimi anni il mercato sia stato invaso da prodotti pseudodisinfettanti con cui viene consigliato di lavare la frutta e la verdura, il parere degli esperti è di preferire il bicarbonato, un prodotto naturale ed economico, che facilmente trovate anche al supermercato. Una sola precauzione, dunque, ovvero quella di lasciare in ammollo frutta e verdura in una bacinella d’acqua per una mezz’ora dove avrete disciolti un paio di cucchiai di bicarbonato, poi sciacquare tutto sotto il getto dell’acqua corrente. Meno precauzioni servono invece nel caso in cui frutta e verdura vengano consumate post cottura. In questi casi infatti bastano le alte temperature raggiunte dai cibi durante il procedimento di cottura.

Quindi al bando disinfettanti e altri prodotti i cui residui sul cibo forse sarebbero più dannosi e spazio a un rimedio della nonna, il bicarbonato, per essere sicure a tavola anche durante i vostri nove mesi di dolce attesa, nei quali certo un pensiero in meno almeno a tavola vi sarà di grande aiuto!

A cura di Manuela Boschetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *