Beckham sul “Daily Mail” per il ciuccio di Harper

Care mamme,

parliamo di gossip! Sapete cos’hanno combinato stavolta il calciatore David Beckham e consorte, (la ex Spice Girl Victoria) per meritare un articolo sul quotidiano britannico Daily Mail?

Sotto i riflettori

Pare che la famiglia Beckham, una tra le più amate e invidiate del mondo dei vip, stavolta sia finita sotto i riflettori e in prima pagina perchè… la loro figlia, la piccola Harper usa ancora il ciuccio a 3 anni!

Ebbene sì, anche loro, come tutti i genitori, hanno concesso alla loro figlia questo”vizio” e come noi comuni mortali, probabilmente, non  hanno ancora trovato il momento giusto per farglielo abbandonare. E come succede molto spesso in queste situazioni, sono stati accusati di fare la cosa sbagliata.

La critica, però, non si è conclusa con un semplice commento di disappunto, ma bensì nella prima pagina del Daily Mail, importante quotidiano britannico che ritrae Victoria con in braccio la piccola Harper “troppo grande per usare ancora il ciuccio”.

La critica

La dura critica è partita da Clare Byam-Cook, esperta di infanzia, che accusa pesantemente i signori Beckham, genitori di altri tre figli oltre alla piccola Harper, di stare sbagliando con la piccola, poiché l’utilizzo del ciuccio oltre i tre anni di età mette a serio rischio l’allineamento corretto dei denti, aumentando la possibilità di dover ricorrere poi a degli apparecchi per riallineare correttamente la dentizione.

L’articolo ha suscitato preoccupazione in non pochi genitori, che si chiedono se lasciando il ciuccio ai propri bimbi stanno facendo davvero la cosa giusta o sbagliata.  Che sia bene non lasciare il ciuccio oltre ad una determinata età ne siamo tutte consapevoli, ma cosa fare quando non si riesce ad eliminarlo?

E voi che ne pensate? Avete avuto a che fare con persone indiscrete che si sono messe in mezzo in queste questioni “personali”? Fino a quale età avete lasciato il ciuccio ai vostri bimbi? 

(fonte immagine: DailyMail)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *