fbpx

Asma nei bambini, tutto quello che dovete assolutamente sapere

Purtroppo l’asma è una malattia cronica molto diffusa, anche nei bambini. Secondo le statistiche nel nostro Paese soffre d’asma un bambino su dieci e il problema è comunque in continuo aumento.

Le cause principali sono allergie, fattori ambientali, infezioni alle vie respiratorie. L’asma ha inoltre anche una forte componente ereditaria per cui genitori asmatici o ex asmatici è molto probabile che si ritrovino a dover gestire un figlio con la stessa patologia.

I primi sintomi dell’asma sono: fiato corto, sibili a livello toracico, difficoltà respiratoria.

Molto spesso i genitori sottovalutano il problema o semplicemente non sanno come comportarsi.

La Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili ha stilato un vademecum che tutti i genitori dovrebbero leggere.

Per prima cosa dobbiamo ricordare che l’asma non va sottovalutato. E’ importante diagnosticare e intervenire sul paziente il prima possibile.

I pazienti asmatici possono vivere benissimo e fare qualsiasi attività fisica, se con consapevolezza della loro malattia e degli eventuali interventi necessari.

Consigli pratici per i bambini asmatici e per i loro genitori:

  1. Gli asmatici possono fare qualunque sport e qualunque attività all’aria aperta, basta avere i giusti accorgimenti. Non mettete i vostri bambini asmatici sotto a una campana di vetro, sarebbe solo controproducente e li farebbe sentire diversi.
  2. La vita sedentaria è assolutamente da evitare. Meglio correre e saltare all’aria aperta, permettendo così ai polmoni dei vostri bambini di rinforzarsi.
  3. Assolutamente no al fumo passivo. Il fumo, seppur passivo impedisce l’ossigenazione e scatena forti crisi asmatiche.
  4. Alimentatevi in modo sano e preferibilmente con cibi biologici privi di conservanti artificiali.
  5. Una volta imparato a riconoscere i sintomi (fiato corto, sibili a livello toracico, tosse persistente, difficoltà respiratoria) intervenite immediatamente con l’inalatore, somministrando la dose consigliata dal vostro pediatra. Non aspettate. L’asma non si cura spontaneamente e non regredisce da solo, quindi è inutile e il più delle volte anche controproducente, aspettare prima di intervenire. 
  6. Se i sintomi sono persistenti e si manifestano più giorni a settimana in modo continuativo è necessario andare dal pediatra, perchè l’asma non è sotto controllo.
  7. In caso di crisi asmatica forte, che non si risolve immediatamente con l’inalatore, è necessario intervenire con una terapia adeguata facendo uso di broncodilatatori e cortisonici, ma solo sotto controllo medico.
  8. Nei casi davvero gravi, in cui vi rendete conto che vostro figlio è in seria difficoltà respiratoria, e che la terapia che state somministrando non sembra funzionare,  è necessario correre al Pronto Soccorso.
  9. I farmaci sono importanti per vostro figlio, quindi ricordate di non uscire mai di casa senza l’inalatore, e man mano che vostro figlio crescerà insegnategli ad usarlo nel modo corretto.
  10. Fatevi spiegare dal pediatra nel modo più esaustivo possibile quali sono gli effetti dei farmaci che andrete a somministrare a vostro figlio. Una crisi d’asma potrebbe presentarsi in qualsiasi momento e voi dovete essere in grado di saper intervenire nel modo più adeguato possibile.

Fatevi anche consigliare per quanto riguarda distanziatori e aerosol, non sono tutti uguali e ne esistono certi specifici per gli asmatici.

Non disperate ad ogni modo, solitamente l’asma migliora crescendo, in alcuni casi fino a scomparire completamente.

Inoltre ci sono moltissimi atleti che soffrono d’asma e hanno ottenuto risultati davvero eccezionali, tra tutti nominiamo:

Mark Spitz, nuotatore statunitense, ritiratosi dall’attività agonistica dopo sette medaglie d’oro vinte alle Olimpiadi del 1972.

Miguel Indurain, è un ex ciclista su strada spagnolo. Professionista dal 1984 al 1996, fu campione del mondo a cronometro nel 1995 e medaglia d’oro olimpica, nella medesima specialità, ai Giochi di Atlanta nel 1996.

Paula Radcliffe, è un’atleta britannica, campionessa del mondo di maratona nel 2005 nonché primatista mondiale della specialità.

Federica Pellegrini, Federica Pellegrini è una nuotatrice italiana specializzata nello stile libero. É la primatista mondiale in carica dei 200 m stile libero ed europea dei 400 m.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *