Prime pappe: dalla farina alla pastina

Dalle creme alla pastina: i prodotti a base di cereali

L’apporto di energia nella dieta è fornito soprattutto dai cosiddetti carboidrati o zuccheri complessi, tra i quali il più importante è l’amido. Sono sostanze presenti in tutti i cibi ottenuti dai cereali (farina, pane, pasta, prodotti da forno), nelle patate e nei legumi. La loro introduzione nell’alimentazione del bambino avviene durante la prima fase dello svezzamento, sempre seguendo le indicazioni pediatriche. I prodotti per la prima infanzia a base di cereali sono le farine, le creme e i fiocchi. Possono essere parzialmente idrolizzati (digerite) per renderli più assimilabili, da cuocere o istantanei (precotti).

Alla partenza senza il glutine

I primi cereali da introdurre nello svezzamento devono essere privi di glutine. La mamma può scegliere tra creme di riso, di mais e tapioca, o di grano saraceno. Si aggiungono ai brodi vegetali per fornire energia di lunga durata e dare consistenza alla prima pappa. Il glutine è una proteina contenuta nelle farine di alcuni cereali (frumento, avena, orzo, ecc). Da ricerche scientifiche appare possibile che un’introduzione troppo precoce di alimenti contenenti glutine nella dieta del bambino possa favorire l’insorgere della celiachia, l’intolleranza permanente al glutine che è una delle principali malattie croniche nei bambini. Inoltre, gli studiosi ipotizzano una minor incidenza della malattia nei bambini allattati al seno e invece una maggior resistenza agli effetti del glutine nei bambini più grandi (12 mesi).

Le farine lattee

Sono prodotti preparati con farine, latte e frutta, e possono essere utilizzati nel caso in cui il bambino fatichi ad accettare la prima pappa sapida. Queste farine e creme, infatti, hanno un sapore dolce e simile al latte, di solito gradito dal bambino. È importante che la mamma, al momento di scegliere un prodotto per la prima infanzia, valuti sempre le caratteristiche di qualità e affidabilità offerte dal produttore, in particolare riguardo alle materie prime utilizzate negli ingredienti.

I cereali nella seconda pappa

L’introduzione di alimenti contenenti il glutine va posticipata alla fase successiva dello svezzamento, quando si propone la “seconda pappa”. La mamma, dopo aver consultato il pediatra, può quindi iniziare ad aggiungere al brodo le creme di cereali con glutine (frumento, avena, orzo, 4 cereali), il semolino di grano, i fiocchi. Quando i genitori hanno verificato che il glutine è tollerato dal bambino, la pappa può essere arricchita anche con le prime pastine. In questo modo il bambino si abitua a nuove consistenze e a cibi “da grandi”. In commercio ci sono pastine appositamente studiate per i più piccoli, che, oltre ad avere dimensioni minime, sono arricchite con sali minerali e vitamine. Le mamme possono anche provare con pastine fatte di farina di riso, che anticipano il sapore dei chicchi di riso e possono essere deglutiti senza masticare.

© 2015 - Vietata la riproduzione dei contenuti - MammaOggi.it è un marchio Fair Magazine CF/P.iva 05136530960 - Disclaimer - Pubblicità