About the author

Related Articles

6 Comments

  1. 1

    SIMONA

    Si patisce cosi tanto specialmente al primo parto che non hai nemmeno il pensiero di come partorivano una volta,di quello che facevano le nonne una volta e quant'altro e tutte queste smancerie. La cosa migliore e di essere in una buona struttura dove sei sicura di poter aver tutto il sostegno e l'aiuto nel caso in cui ci dovessero essere comlicazioni .Donne non dite cavolate una volta partorivano a casa perchè non avevano altra scelta punto e basta.

    Reply
    1. 1.1

      katia

      ognuno ha le sue idee e le sue esperienze, non sono cavolate, è un modo diverso di prendere la vita e di farla andare nella direzione che vuoi senza subirla, se te hai patito….non vuol dire che sia la stessa cosa per le atre e tantomeno si patisce meno in ospedale…

      Reply
  2. 2

    Giuli

    Ovviamente, ognuno fa come vuole.
    Certo se ci sono complicazioni sono guai seri. Un'amica, con gravidanza normalissima fino alla fine, ha avuto durante il parto la gravissima emergenza del prolasso del funicolo ombelicale, e i medici sono intervenuti non in MINUTI ma in SECONDI per evitare il peggio a lei e al piccolo. E tutto è andato bene. Se fosse stata a casa non so come sarebbe finita…

    Reply
  3. 3

    Monica

    Ma infatti mica tutte possono partorie in casa. Se la gravidanza è fisiologica invece è addirittura meglio

    Reply
  4. 4

    Fabiola

    Purtroppo io stessa ho avuto l'esperienza del parto in casa.
    La mia era stata una gravidanza normalissima fino alla fine.
    Poi dopo il parto ho avuto una grave complicanza: L'eclampsia post parto.
    Mi hanno ripresa per i capelli all'ospedale dove mi hanno trasferito d'urgenza …
    Ringrazio il cielo di non aver avuto la crisi nel momento esatto del parto altrimenti la mia bambina ora non la stringerei tra le braccia …
    E' vero, per il parto in casa la gravidanza deve essere fisiologica … ma chi lo stabilisce se è fisiologica?
    Di certo l'ostetrica che non è in grado … probabilmente ciò che mi è successo si poteva prevedere ma la mia ostetrica (tanto decantata e famosa) non ci è riuscita (o non ha voluto) ed ora eccomi quì con tutti i miei problemi: depressione, crisi coniugale, reni e fegato sballati …
    Altro che enpowerment della donna …
    Meditate gravide, meditate! http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_

    Reply
  5. 5

    Denise

    Purtroppo abbiamo dei pensieri troppo radicati. I nostri genitori ci hanno insegnato e vediamo anche con i nostri occhi che è normale partorire in ospedale, è normale partorire in un lettino di ospedale dove prima di Te hanno partorito migliaia di persone, italiani, cinesi, marocchine. E poi vieni trattato ocme una cavia, come un maiale che deve andare al macello. Bello. Magari ti scambiano anche il bambino e non lo sai nemmeno. E' ovvio che la tua ostetrica dovrà dirti se puoi affrontare un parto in casa oppure la gravidanza ha già subito complicazioni. Io penso sempre che oramai ci piace troppo la comodità (quale?) spesso le donne si fanno fare il cesareo per non soffrire (!!). E poi cosa c'è di meglio che partorire ed essere già a casa tua! senza quell'odore di medicine e ospedale! senza quelle orrende lenzuola che non hanno profumo, che chissà chi ci è stato prima di Te! Svegliamoci! E basta con questi pregiudizi di massa!!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015 - Vietata la riproduzione dei contenuti - MammaOggi.it è un marchio Fair Magazine CF/P.iva 05136530960 - Disclaimer - Pubblicità