About the author

Related Articles

4 Comments

  1. 1

    Alice

    Ciao Siria, sono d'accordo con te! Tutti si sentono di darti consigli così senza nemmeno averli chiesti…e a volte i consigli sono così distanti da quelle che sono le nostre idee…
    Io ad esempio, uso dal primo giorno il pannolino lavabile, e dal pannolino lavabile ho dato il via ad un sito e-commerce, Naturabioallegra.it dove propongo diversi prodotti ecofriendly.
    In tanti mi avevano detto…ma sei fuori? sarai così stanca che non li usereii..e invece sono così pratici che ho deciso di aprire un'attività on line e di mettere tante mamme a conoscenza di questo mondo del riciclare, ridurre e risparmiare!
    Mi manca solo la fascia porta bebè, io ne ho usata una ma per poco tempo…..ce ne sono tante, e voglio scegliere un buon prodotto. Perchè portare è naturale ed istintivo, perchè un tempo non c'erano nè culle nè carrozine, ma solo l'amore e il tenero abbraccio della mamma.
    Grazie per il post mi ha ricordato che devo proprio muovervi a cercare un ottimo produttore! Un saluto Alice

    Reply
  2. 2

    Gabriella

    Sulla questione del "viziare" si potrebbe discutere per ore e sempre ci sarà qualcuno convinto che prendere in braccio e tenere in braccio i figli sia "viziarli". Mi chiedo se queste persone continuano a stare così attente anche dopo qualche anno, quando il bimbo non è più lattante, ma comincia a chiedere (ed ottenere) una gran quantità di oggetti. La mia impressione è che l'attenzione non sia tanto per il bimbo quanto per la madre, che deve "imparare" ad essere una buona madre, quindi non viziare, non dare cattive abitudini, ecc…
    Ma cosa succede se poi la medesima madre un po' di tempo dopo decide di vietare al bambino di due-tre anni di vedere la tv? O di non comprare certo tipo di giocattoli, che ritiene violenti o inadatti?

    Reply
  3. 3

    laura

    Rispondere ai richiami di un bambino, neonato o meno, non è viziare, ma essere attenti alle sue esigenze.

    Diverso è, invece, arrivare a un tipo di rapporto nel quale il bambino "tiene in pugno" i genitori. Ma questo dipende da modalità di relazione improprie che si instaurano con il tempo e ciò avviene di frequente quando in famiglia c'è qualcosa che non va per il verso giusto.

    Reply
  4. 4

    siria

    Ciao ragazze, grazie per il vostri preziosi commenti e perdonatemi se rispondo con un po' di ritardo, ma da mamme mi capirete ^_^
    @Alice: complimenti per il tuo portale, appena posso me lo giro per bene e magari lo segnalo qui su mammaoggi! Per quanto riguarda le fasce, io ne ho una di Equazioni (equazioni.org), mi trovo davvero bene! Le vende una mamma che ha anche un blog e fa un sacco di iniziative carine 🙂
    @Gabriella: sono d'accordo al cento per cento. Il bambino piccolissimo o neonato non va "viziato", deve starsene in un angolo e non disturbare. I ragazzini che invece pascolano schiamazzando senza alcun limite "sono bambini". Mah! E in effetti, sulla neomamma c'è una pressione sociale
    enorme.
    @Laura: il tenere in pugno, secondo me, arriva più tardi, quando il piccolo parla e quando in effetti sarebbe il momento dei primi no, che non tutti i genitori sono in grado di gestire con serenità, come fai notare anche tu.
    Ciao a tutte!!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015 - Vietata la riproduzione dei contenuti - MammaOggi.it è un marchio Fair Magazine CF/P.iva 05136530960 - Disclaimer - Pubblicità