About the author

Related Articles

6 Comments

  1. 1

    Giuli

    Anch'io sono una sostenitrice dell'allattamento al seno, ma solo se questo non provoca eccessive ansie nella mamma.
    Io ho allattato per più di otto mesi e sono stati un po' duri solo i primi due, quando Tommaso mangiava in continuazione e, come dicevi, vivevo con lui attaccato al seno, mentre le varie nonne, zie ecc. della vecchia scuola (orari, poppate ogni 4 ore ecc…) rendevano il tutto più stressante.
    Al terzo mese mi sono detta: o smetto di allattare o continuo attaccandolo quando vuole, OVUNQUE, e senza ascoltare nessuno. Da quel momento tutto è filato liscio e, se avrò un altro bambino e potrò, lo rifarò senz'altro!

    Reply
  2. 2

    pampilla

    Ciao Giuli, assolutamente sì, spero che si sia colto che anche io penso che l'allattamento dev'essere un piacere e non uno stress!
    Per il resto, abbiamo proprio avuto esperienze molto simili! Sono davvero molto d'accordo con te, perché quando anche io ho smesso di preoccuparmi delle regole e di quello che dicevano nonne & co., o anche solo di come facevano le altre, mi sono sentita più rilassata ed è andata meglio. Non solo per l'allattamento! E' che ogni bambino è diverso e ha esigenze diverse, quindi perché insistere su una regola se non è chiaramente giunto il momento di applicarla? A presto!

    Reply
  3. 3

    magant

    Ciao a tutte| La mia esperienza è un po' diversa, ho sempre pensato che avrei allattato Giovanni, vengo da parte paterna da una famiglia di medici (pediatri e ginecologi, per giunta) e fin da piccola ho avuto intorno gente che parlava di gravidanza e allattamento. Poi, mi sono sorbita da mio cugino pediatra, circa 15/18 anni fa, tutta la cronaca delle ricerche internazionali che riabilitavano a pieno titolo il latte della mamma e le conseguenze nefaste della moda anni 60/70/forse 80 di non allattare o solo per pochi giorni. Il problemi miei e di Giovanni sono stati essenzialmente 2:
    la sua nonna paterna che voleva farmi smettere subito l'allattamento "perchè anch'io ho fatto così" e "ma che differenza ci sarà mai fra il latte materno e quello della farmacia?". Preciso che da quella mia rivolta i nostri rapporti si sono moooolto incrinati e il secondo è legato al fatto che all'inizio nonavevo molto latte. Ma con le settimane la cosa è migliorata (ne ho fatte, per averne dipiù!) e siamo andati avanti fino ai 2 anni. Devo ringraziare le signore del consultorio, la mia testardaggine e Giovanni che poverino all'inizio si attaccava ma con poco successo. se ce l'abbiamo fatta noi, tutte le mamme (o quasi) hanno una possibilità!

    Reply
  4. 4

    Giuli

    Sì davvero, imporre delle regole a un neonato è veramente assurdo…
    Ciao e a presto!

    Reply
  5. 5

    manuela

    salve io sono mamma di due bambini alessio 13 anni e gloria di 6 anni. il primo l'ho allattato 3 anni e mezzo l'altra 5 anni e mezzo.. che vi devo dire? meglio di me sapere cos'è e come funziona l'allattamento? chiedetemi tutto ciao

    Reply
  6. 6

    pampilla

    Care mamme che avete risposto, è bello leggere delle vostre esperienze, diverse, ma nella sostanza simili alla mia. E mi fa tenerezza leggere voi, mamme che l'allattamento l'avete vissuto tempo fa, senza per questo averlo dimenticato…
    Sono sempre più convinta che le regole lasciano il tempo che trovano, con un neonato, poi, come dice Giuli, è ancora più assurdo! Ma soprattutto, a cosa serve? Bisogna mettersi il cuore in pace, avere pazienza e col tempo le cose si sistemano da sole. Anche io a volte me ne dimentico, poi mi sento stressatissima, ci rifletto e capisco perché: non sto ascoltando mio figlio, ma il mio cervello! Quando divento più flessibile, guarda caso, in breve tutto si aggiusta. Ciao!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015 - Vietata la riproduzione dei contenuti - MammaOggi.it è un marchio Fair Magazine CF/P.iva 05136530960 - Disclaimer - Pubblicità