About the author

Related Articles

12 Comments

  1. 1

    Manuela

    troppo dolore in questa storia…troppo!

    Reply
  2. 2

    salvatore

    si cerca sempre una verità , una logica a tutto ciò che avviene , in special modo quando una vita viene spezzata. è vero siamo pronti a giudicare a commentare in positivo o in negativo. tipo a me non sarebbe successo , ma la vita di oggi che valore ha ? siamo propensi verso le cose materiali verso il successo verso il da farsi per essere qualcuno . io non giudico questo padre perchè non ha colpa solo lui. riflettiamo e capiamo ciò che la moglie ha detto. ha dipinto il marito come un santo, ma dicendo questo lo difende o comunque lo accusa? e poi anche la moglie ha colpa ,perchè non teneva con se la piccola in casa invece di mandarla cosi piccola all' asilo? un angelo è volato via alla fine chi ha pagato e solo la piccolina. la vita è un attimo bisogna fermarsi riflettere e mettere in secondo piano tutto ciò che è futile.

    Reply
  3. 3

    catia

    mi è stato insegnato che non si deve giudicare, e la stessa cosa l'ho insgnata ai miei tre figli. Ognuno di noi ha la sua storia di genitore che lavora,che corre per portare e riprendere figli a scuola,piscina,feste di compleanno,dentista ecc… ci si scrdano le chiavi,le luci accese,le riunioni di classe,i nomi delle maestre…ma un figlio no. Non so se sarei mai riuscita a perdonare un marito che si dimentica una figlia in auto perchè meno importante del suo lavoro… quello che mi amareggia è che quest'uomo presto diventerà padre una seconda volta e chissà se gli affideranno di nuovo la vita di questo nuovo bambino…?

    Reply
  4. 4

    roxana

    Prima di tutto vengono i figli e non il lavoro,ma questo succede quasi sempre,proprio ieri facendo la spesa una "mamma" se la posso chiamare cosi aveva smarrito i suoi figli(2) ed er molto tranquilla come se niente fosse.Ma vi sembra normale? e poi fanno le vittime in televisioneE CON QUESTO HO DETTO TUTTO.

    Reply
  5. 5

    m.giovanna

    chi dice che poteva succedere a tutti, mi dispiace, sta solo nascondendo la sua irresponsabilità, dicendo che A LUI potrebbe succedere xchè sbadato, stralunato e IRRESPONSABILE. bene che il padre è stato condannato, ci pensa 2 volte la prox volta a far morire una piccola creatura.

    Reply
  6. 6

    IOme

    Mi spiace ma non condivido questo tuo pensiero.
    E' vero viviamo in modo frenetico ,ma far diventare una "cosa normale" una tragedia di tale portata mi spiace ma non lo accetto.
    NOn lo condanno , non sono io a doverlo fare, ma neanche lo giustifico!

    Reply
  7. 7

    gianna

    condannare e chi siamo noi per poter giudicare quest'uomo? non mi sembra che abbia dato l'idea di un cattivo padre, pensava a tutto lui! … il primo pensiero che mi e' venuto in mente sentendo l'accaduto e' stato; come riuscira' questo padre a vivere con questo rimorso? queste situazioni devono farci riflettere sulla ns vita quotidiana e farci soffermare su ogni singola ns azione

    Reply
    1. 7.1

      giada

      ciao condivido pienamente il tuo pensiero,e con cio che lo stato gi obbliga a fare per poter sopravvivere ci fa togliere il respiro ogni giorno togliendo tempo e spazi per noi e le persone che amiamo,non ritengo opportuno e nemmeno giusto condannare il padre,anzi bisogna condannare chi e causa delle nostre distrazioni,lo stato che permette abusi e furti e omicidi senza pena,non condanniamo questo papa,uniamoci a lui,

      Reply
    2. 7.2

      .....

      bel commento.

      Reply
  8. 8

    Tea

    Mi ha fatto molto piacere leggere le vostre opinioni, c'è chi riesce a immedesimarsi in questo sventurato genitore e chi invece lo condanna. Ognuno ha la sua personale "lettura" di questa tragedia, ma dare colpa alla madre perchè ha mandato la bambina al nido invece di tenerla a casa mi sembra davvero il colmo. Io lavoro full time e non ho nonni che possano tenere i miei figli tutto il giorno, ma anche se ne avessi avuto la possibilità non li avrei mai tenuti a casa: l'asilo nido, ovviamente scelto con criterio e attenzione, non è un "meno peggio", è uno strumento di crescita.

    Reply
  9. 9

    Elisa D'Angelo

    Sono d'accordo su tutto quello che si è detto. Ancora una volta per una negligenza umana pagano i bambini ,tutto ricade sulla loro pelle.,Sono un insegnate della scuola dell'infanzia e metto al centro di ogni cosa i bambini ,povere anime innocenti.Ma si fà presto a puntare il dito,a condannare.Ci siamo messi per un attimo nelle vsti di quel povero uomo? E' stato un grave errore umano,non di certo lo ha fatto con intenzione.Adesso penso che non sia neanche più un uomo.Distrutto dal senso di colpa ,amva sicuramente anche lui la bambina,quindi dolre per la perdita ,inquisito,per abbandono e morte di moniri.Ha perso tutto, il suo lavoro ,la sua famiglia,e in più la cosa più grave che lo accompagnerà per tutta la vita sarà il rimorso per tutta la tragedia che con molta leggerezza ha provocato.Non sarà più libero ,ma soprattutto avrà un peso atroce che lo accompagnerà per tutta la vita.

    Reply
    1. 9.1

      Darence

      Your article was exlecelnt and erudite.

      Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015 - Vietata la riproduzione dei contenuti - MammaOggi.it è un marchio Fair Magazine CF/P.iva 05136530960 - Disclaimer - Pubblicità