About the author

Related Articles

16 Comments

  1. 1

    bubby

    Siamo alla ricerca di una buona clinica per l’ovodonazione, mi interessa molto questo articolo perchè siamo indecisi tra andare in reppublica ceca e in Ucraina. Magari se qualcuna potesse aiutarmi con qualche commento, ne sarei veramente grata. Re. ceca è veramente all’avanguardia come tecniche, ma a quanto pare anche in Ucraina sono molto bravi… un consiglio, grazie

    Reply
  2. 2

    ales

    Ancora nel 2013 abbiamo contattato il centro biotexcom in Ucraina. Dopo circa un mese siamo partiti per la prima vista e dopo aver visto il centro e il personale da vicino, non abbiamo avuto alcun dubbio nel decidere. Da gennaio abbiamo iniziato la preparazione per l’ovodonazione ed ora hi partrito due gemelli!! Grazie mille BiotexCom, sono troppo felice per veder realizzarsi il mio sogno!!

    Reply
  3. 3

    kelly

    La mia ginecologa, che lavora in un centro fiorentino, ha detto che allo stato attuale non c’è assolutamente paragone a livello qualitativo tra italia vs estero, continuare quindi ad andare all estero, lei per altro ha fatto eterologa per anni,all estero chiaramente,e dice che qui ci vorrà ancora molto tempo per equipararci all estero,a cio che i centri esteri offrono.Per l eterologa maschile ok,ma per quella femminile proprio no.
    -l età nei centri pubblici è molto limitante,42 anni sono davvero pochi,bisogna quindi rivolgersi al privato.
    -i costi nel privato viaggiano sui 5/6000 euro con ovociti crio provenienti da banche spagnole o da donne che hanno fatto pma(io non userei ovociti di donna che si e sottoposta a pma,senza offesa,è il mio pensiero),è palese che la qualita di questi ovociti non possa minimamente essere paragonata a quella che offre un centro estero,con donatrici giovani,testate,sane,ecc
    -qui allo stato attuale non ci sono donatrici,ragazze giovani che siano disposte a donare,non si puo quindi “contare” sui loro ovociti giovani.
    -i costi:siamo cosi sicure che in italia si risparmi???ogni volta che vado a firenze spendo un casino,tra benzina e autostrada,con la stessa cifra volo a/r a vienna o kiev.Un centro ucraino offre ovo da fresco a 4500/5000euro,ha costi inferiori alla spagna ma offre la stessa qualità!
    -il viaggio,concordo con chi dice che è una menata andare all estero,dal punto di vista organizzativo,voli,ecc,ma non si hanno forse gli stessi costi se si abita in una città che nn offre”servizi pma”degni di essere definiti tali e bisogna quindi spostarsi di regione?è la stessa cosa.
    Personalmente miro alla qualità e se mi avvicinassi ora all eterologa,me ne andrei all estero di corsa;essendoci gia,non ho intenzione di cambiare paese (sono alla biotexcom anch’io).Chiaramente ognuno valuta per se stesso….se una deve fare ovo a 35anni puo anche pensare di mettersi in lista d attesa qui in italia,nel pubblico intendo,ma se ha 42o+ anni,perche spendere 6mila euro con % minori quando all estero ti costa meno e con % di successo nettamente superiori, come alla biotexcpm stessa?

    Reply
    1. 3.1

      Sstella

      Io ho provato in tutti i modi a fare ovo in Italia. sono stata tra le prime a fare visite e colloqui in diversi centri emiliani e toscani. tutti che si dichiaravano pronti a partire e nel frattempo sono passati 9 mesi e rimandano ancora. il fatto che offrissero ovociti congelati e in numero limitato mi impensieriva. L’unica buona soluzione mi sembrava il centro di Marghil a Roma. Litigo con il mio compagno per convincerlo a spendere oltre il previsto e alla fine lo convinco. Per noi era una buona location, visto che, pur vivendo in emilia, abbiamo una casa fuori Roma.
      Non so se avete notato….parlo a passato.
      Ho telefonato per avere informazioni e l’unico modo era un visita a 180 euro. non ci ho più visto! tutti che vogliono soldi solo per dirti prezzi e tempi.
      Mi sono sentita presa in giro dai medici Italiani, pronti a salire sul carro e ad approfittarne. Le spese per un centro possono essere tante, ma mi sembra che si stia veramente esagerando. Molte di noi sono pronte ad indebitarsi per un figlio, ma proprio per questo servirebbe un etica medica rivolta anche all’aspetto eocnomico.
      La mia stima verso i centri italiani tanto blasonati si è spenta, l’Italia per me si riconferma opportunista.
      e io volerò altrove …. se la cicogna non arriva a me, vado io a cercarla

      Reply
  4. 4

    mente

    Io ho fatto le omologhe privatamente in Italia e, l’ovo (da fresco, donatrice esclusiva, 25 anni), alla biotexcom di Kiev.
    Ci tornerei 1.000 volte!!!
    Ho speso 5.000 € quando in Spagna me ne avevano chiesti 8.500 (IVI Valencia) per una donatrice condivisa!
    Molto professionali, serissimi, informazioni continue, sempre cortesi.
    Contratto all-inclusive
    Se l’avessi saputo avrei optato per l’estero anche per le icsi visto che costano un terzo rispetto all’italia.

    Reply
  5. 5

    giulia

    Ciao mente, io mi sento solo di dire, dopo 7 ICSI omologhe in Italia e una eterologa in ucraina alla BiotexCom… Ucraina senza dubbio! E, col senno di poi, penso che avrei dovuto tentare all’estero anche x le omologhe. Le tecniche saranno anche le stesse e i medici indubbiamente bravi, ma l’esperienza e la maggiore libertà dal punto di vista legislativo fanno una notevole differenza.

    Reply
  6. 6

    stefania

    ragazze, la differenza la faccia:
    – vivere in una città come Milano dove realmente i tempi / costi degli spostamenti sono azzerati
    – il costo: perché per adesso a Milano l’unico centro che fa eterologa
    vuole €10.000 (alla biotexcom a Kiev ne vogliono €4900…)
    E adesso aspettiamo l’evolversi della situazione in Italia.
    Sul
    tema donatrici, credo che poco o nulla cambierà nel breve – medio
    periodo (o ovociti congelati da banche estere o avanzati da donne che
    hanno fatto PMA per problemi maschili)
    Sui costi, aspettiamo che
    escano ste linee guida per capire che offerta ci sarà in Italia. Sono
    confidente che centri come Humanitas o San Raffaele (io sono di Milano)
    si attivino appena ricevute queste ultime e che la concorrenza faccia
    naturalmente abbassare i costi.
    In Lombardia, dove non si può fare con SSN, è stato dato come tetto massimo ai centri pubblici / convenzionati €4000

    Reply
  7. 7

    sofia

    Dopo lunga riflessione e molte ricerche sono assolutamente convinta che sia meglio rivolgersi in ucraina per l’ovodonazione. Certo, poter eseguire i trattamenti qui in Italia, magari nella propria città, sarebbe ottimo, ma in realtà i nostri centri non sono attrezzati e non hanno nemmeno uno storico accettabile in questo campo. In altri paesi, inoltre, non solo possiedono il know-how, ma hanno anche prezzi più competitivi. Se passerò ad ovo-ipotesi probabile- emigrerò in Ucraina. sono all’avanguardia e hanno buone proposte economiche, se così vogliamo definirle, dato che rappresentano comunque un salasso.

    Reply
  8. 8

    maria t

    VF ciclo con ovociti donati
    freschi, come minimo 8 ovociti
    (ciclo completo)
    Consulenza, piano di trattamento, test STD del partner,
    spermiogramma, stimolazione e compenso per la donatrice, punzione
    degli ovociti della donatrice in anestesia totale, ICSI, coltura
    prolungata degli embrioni, hatching assistito, embryo transfer,
    4 900 €
    Questo è quello che propone il centro ucraino biotexcom dove vado io. Se in italia costa il doppio( o piu del doppio)come sig giustifica questo??
    Io non faccio ovo,ma se la facessi,preferirei cmq andare in quel di Kiev ,che è un massacro fisico,mentale e una rottura di p@lle infinite,pero’accidenti…….i 4900 sono x ovo con ovociti freschi, non congelati!.
    L italia continua secondo me ad essere un furto..capisco il dover importare ovociti crio dalla spagna,con conseguente costo,ma il doppio della cifra chiesta in rep ceca,come lo si giustifica?
    Riguardo gli ovociti freschi versus crio.NN ho esperienza diretta,come ripeto,ma amiche angloamericane mi hanno detto che non tutte possono usare gli ovociti freschi,per timore di non sicnronizzazione(c e gente che arriva da australia,Usa,canada,etc)per la lista d attesa,etc,la clinica ha detto loro che di fatto il tasso di successo dei freschi vs crio e pressoche simile,un poco piu alto usando i freschi.

    Reply
  9. 9

    clara

    Qualcuna di voi che ha fatto L Ovodonazione a Kiev ha fatto il pacchetto da 5 tentativi ? Quello da 9.900 euro ? Avete scelto la donatrice vedendo la foto dalla banca dati vedendo la foto della donatrice ? Grazie s tutte per le informazioni skno così confusa

    Reply
  10. 10

    melania

    Sono Melania, ho 38 anni … e anche io sono in corsa per l’ovo … sto iniziando il quarto tentativo … L’unico consiglio che vi posso dare e che io all’inizio non ho fatto ahimè … è quello di vedere quando vi orientate verso una clinica quelle che hanno il “pacchetto garantito”… Vi dico questo perché i soldi che spendiamo sono tanti e io alla prima speravo che fosse matematico riuscirci .. Ma non è stato così … e quindi ritentare sono altri soldi …
    Se leggete in giro la matematica del primo colpo e via… non è altissima.

    Comunque leggete in giro … i centri sono molteplici … e bisogna andare a sensazione…
    Un abbraccio…

    Reply
  11. 11

    monica

    Appena fatto il transfer… ansia!!!
    Ciao ragazze… Allora inizio con il presentarmi… Mi chiamo Monica e ho 37 anni… Allora ho iniziato il percorso x la FIVET a febbraio 2013, mi ero accorta x caso di avere dei problemi. Sia io sia il mio compagno facciamo tutti gli esami, lui tutto assolutamente perfetto, io praticamente una riserva ovarica pari a zero ma mi mettono in lista lo stesso x la FIVET. Ci chiamano a marzo 2014 dopo aver fatto una cura ormonale con punture di Gonal F, praticamente dopo 2 sedute mi sospendono tutto dandomi per 10 gg ovuli di Progeffik dicendomi che dopo mi sarebbe arrivato il ciclo. Ovviamente del ciclo neanche l’ombra e mi fanno fare esami ormonali e il risultato è MENOPAUSA PRECOCE. Mi consigliano varie cliniche. Fine dicembre andiamo per la prima visita e venerdi 20 febbraio arriviamo qui per fare il transfer. Facciamo le visite e dicono che il mio fisico e i miei esami sono perfetti e il mio compagno idem. Giovedi 26 mi fanno il transfer. Il beta ce l’ho 11… E io sto già sclerando!!!
    Scusate se mi sono dilungata nel messaggio ma mi fa piacere avere qualcuno con cui parlare e confrontarmi!!!
    Un forte abbraccio a tutte!
    Monica

    Reply
  12. 12

    graziella

    Ho 32 anni, ultimo tentativo omologo vicinissimo e poi passiamo a ovo!
    Io per l’ultimo tentativo di omologo non sono carica per nulla, anzi sinceramente se scegliessi solo io non lo farei, ma alla fine abbiamo deciso così anche perché tanto prima di metà maggio non riuscivamo ad andare. Se poi dovessi impazzire per esami o inceppi lascerei perdere, se riesco a farlo bene. Non mi piace perdere tempo e con le omologhe sento di averne perso, anche se a 30 anni ci sta di cominciare così.

    Reply
  13. 13

    Elena

    Ci sono anche io
    dopo icsi fallita in italia e su consiglio di due centri abbiamo deciso per ovodonazione.
    saremo lunedì prossimo a kiev. Ho fretta e spero di riuscire a fare il mio tentativo a giugno.
    Il problema è mio perché ho pochissima riserva ovarica..sono riuscita a fare un icisi..la prima e l’ultima purtroppo..però per essere stata la prima e unica volta ho avuto un positivo con beta a 32, che si.sn.azzerate purtroppo.dopo una.settimana..

    Reply
    1. 13.1

      galia

      Ciao sono galia .volevo chiederti come andata a Kiev.?

      Reply
  14. 14

    viky

    Ciao, mi sento in dovere di raccontare la mia esperienza…..lo devo a loro (biotexcom) per riconoscenza, per serietà e perché’ altrimenti avrei buttato non si sa quanti soldi altrove……sono stata attratta soprattutto dal pacchetto SODDISFATTI O RIMBORSATI…….9900.00 con garanzia di successo o rimborso dei soldi……ho fatto un primo tentativo ed ero incinta….purtroppo però aborto interno alla decima settimana (una casistica comune a tutte, ma non c’entra con la fecondazione assistita) poi un secondo tentativo e ok incinta….ora sono al quinto mese e sembra tutto ok……

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015 - Vietata la riproduzione dei contenuti - MammaOggi.it è un marchio Fair Magazine CF/P.iva 05136530960 - Disclaimer - Pubblicità